Quando è giusto comprare la tua prima casa?

Se c’è un dubbio che non ti lascia mai quando decidi di comprare casa, è la domanda “quando dovrei farlo?”. Insomma, qual è il momento giusto per non far sì che un passo così importante si trasformi in un errore? 

Oggi voglio partire condividendo con te un aneddoto.

Ti voglio parlare di Marco e Arianna. Sono due miei clienti che hanno di recente comprato casa da me. Ti sembrerà incredibile, ma la loro storia ti sarà di grandissimo aiuto per rispondere ad una delle domande più grandi quando decidi di comprare casa, ovvero: “quando?”.

Acquistare la prima casa è una scelta così fondamentale, e porta con sé così tante responsabilità, che ovviamente vuoi essere sicuro di prendere questa decisione nel momento per te migliore.

Marco e Arianna sono andati avanti mesi: hanno visto uno dei miei progetti e se ne sono innamorati. Tuttavia, ogni volta che stava per arrivare il momento di sottoscrivere il contratto, rimandavano. E ritardavano ulteriormente l’acquisto.

Io non capivo il perché di questo loro comportamento: avevo sempre paura di aver detto o fatto qualcosa che poteva averli messi a disagio.

Fortunatamente, non era colpa mia. Semplicemente, non riuscivano a capire se per loro era davvero ora di fare un passo così.

D’altronde, si tratta di un investimento grande, uno dei maggiori che potrai mai fare nella vita, ed è assolutamente normale quale sia la scelta migliore. I ripensamenti sono all’ordine del giorno.

Alla fine, Marco ed Arianna questo passo l’hanno fatto, e non se ne sono di certo pentiti. Ma ogni situazione è a sé, e solo con un’attenta analisi dei tuoi bisogni e del contesto in cui vivi tu puoi capire qual è l’attimo giusto, in modo da saper cogliere l’occasione nel momento adatto (evitando anche errori che potrebbero metterti in difficoltà!).

1. A che punto sei nella tua vita?

La prima questione che devi assolutamente capire è se, nella tua vita, hai effettivamente bisogno di comprare casa.

Se ad esempio, pensi che per motivi di lavoro (o altro) dovrai trasferirti molto spesso, forse non è ancora arrivato per te il momento per diventare proprietario di un immobile.

Al contrario, se ormai ti sei stabilizzato, quello dell’abitazione è un investimento a cui dovresti davvero pensare!

Insomma, se la tua idea è di essere stabile in un luogo e quindi di non saltare da una città all’altra ogni tot. di anni, acquistare casa è sicuramente la soluzione migliore.

Non solo ti permette di risparmiare denaro ma anche, nel lungo periodo, ti lascia in mano una casa, a differenza dell’affitto in cui non ti resta niente, e i soldi spesi sono gli stessi.

Quindi, se sei legato ad una zona (vuoi per lavoro, vuoi per famiglia, vuoi per altri motivi) e stai prendendo in considerazione l’idea di muoverti in una casa tua, senza ombra di dubbio l’acquisto rimane la soluzione, ad oggi, più consigliata.

2. Valuta l’investimento!

Come ti ho già detto in un precedente articolo, i costi legati all’acquisto di una casa sono molti, e non riguardano solo il valore dell’immobile.

Ci sono anche questioni fiscali e notarili che devi sbrigare.

Dunque, prima di procedere con la ricerca, ti consiglio di definire bene il budget!

Devi saper delineare quanto è possibile spendere per te, quanti sono i tuoi risparmi che puoi investire (anche semplicemente per le spese accessorie) e, se ne hai bisogno, di quale importo può essere il mutuo che richiedi alla banca.

Come vedi, il mio consiglio è quello di pensare PRIMA alla banca che alla casa. Se lo faccio è per un semplice motivo: sapendo quanto puoi spendere, hai già un’idea su che tipo di immobile cercare. Insomma, hai già un metodo per perfezionare la ricerca prima ancora di cominciare. Ti assicuro che questa cosa può davvero fare la differenza (e ti eviterà un sacco di rotture!).

Sia chiaro: non ti sto dicendo di accendere il mutuo prima ancora di comprare un immobile! Ciò che devi fare in banca che è una pre-delibera.

Di cosa si tratta?

La pre-delibera bancaria è un documento che la banca redige, dopo aver fatto un’analisi molto simile a quella che viene fatta quando richiedi il mutuo, in cui ti viene detto quanti soldi ti possono prestare.

La pre-delibera, inoltre, non ti obbliga a prendere i soldi e non ha nessun costo. Non sei vincolato nei confronti della banca: puoi decidere di non prendere il prestito ma anche di rivolgerti ad un altro istituto.

Si tratta di un ottimo strumento per te poiché, una volta che hai trovato la casa che fa per te, avrai molte meno difficoltà ad accedere al finanziamento, e ridurrai i tempi di compravendita (evitando anche magari che la casa che hai trovato se la prenda qualcun altro al posto tuo!).

3. Pensa alle tue esigenze

Prima di buttarti a capofitto nella ricerca della casa che fa per te, devi capire quali sono le caratteristiche che rispecchiano la tua casa ideale. In altre parole, di cosa hai bisogno per far sì che tu non ti penta di aver speso tutti quei soldi?

Nessuno se non te può dare risposta a questa domanda. Sono tanti i fattori che possono influire nella scelta, e sono diversi da persona a persona.

In linea di massima, una checklist che ti può essere utile nel capire quali sono le caratteristiche dell’abitazione dei tuoi sogni è questa:

  • Da quante persone è composto il nucleo familiare? – Questo ti sarà necessario per capire la distribuzione degli spazi, il numero delle camere, il numero dei bagni, ecc.
  • Hai intenzione di avere figli? – Sia che tu abbia già figli che no, è importante che tu sappia se c’è la possibilità che la tua famiglia si allarghi! Pensaci: compri casa una volta nella vita, non è di certo come acquistare un’automobile! Ecco perché devi tenere in considerazione anche questi aspetti.
  • Di quanto spazio all’aperto hai bisogno? – Ti basta un terrazzo? Quanto ampio deve essere? Hai necessità di avere un giardino? Non devi sottovalutare nemmeno questo, soprattutto se hai animali domestici!
  • Quali sono gli impegni della tua famiglia? – Scuola? Lavoro? Dove sono localizzati? La tua famiglia ha altri impegni (sport, attività pomeridiane)? Se sì, in che parti della città? Rispondendo a questa domanda puoi capire quale deve essere la posizione della tua nuova abitazione!
  • Qualcuno lavora da casa? – In un’epoca in cui il lavoro agile diventa sempre più rilevante, questo è un elemento da tenere assolutamente a mente! Sia perché potresti avere bisogno di uno spazio apposito a casa per lavorare, sia per le necessità tecnologiche legate allo smart working (hai bisogno di una connessione veloce?).

Ovviamente non è detto che siano solo questi i punti cardine su cui basare la tua ricerca, perché il tuo nucleo familiare potrebbe avere dei bisogni molto particolari che non appartengono alla maggior parte delle persone (come quelli elencati qui sopra) ma che comunque hanno bisogno di essere considerati!

4. Scegli con cura la casa

Infine, arriva il momento di metterti alla ricerca della tua prossima casa. Quale acquistare?

La prima scelta che devi compiere è capire se orientarti tra una costruzione nuova o una usata.

Ovviamente, una casa già utilizzata (anche se di pochi anni fa), non rispecchia gli standard attuali per quanto riguarda vari fattori (tra cui il risparmio energetico).

In più, avendo già qualche anno sulle spalle, potresti ritrovarti in men che non si dica a dover ricorrere a spese straordinarie per ristrutturazioni.

Dunque, la cosa più sensata potrebbe essere rivolgerti ad un costruttore.

In questo modo, soprattutto se acquisti casa sulla carta, potresti avere anche la possibilità di poter personalizzare come meglio credi la tua abitazione.

Detto questo, proprio tutti i costruttori ti danno questa possibilità?

Purtroppo no. Sempre più spesso chi costruisce cerca di avere i maggiori guadagni possibili.

La crisi del 2008 ha lasciato un’eredità pesante sul settore edile: i costruttori sembrano più interessati al loro tornaconto personale che ad esaudire i sogni dei loro clienti di avere una casa di proprietà senza intoppi, problemi, ansie e ricevendo un servizio eccellente.

D’altronde, le difficoltà di quella recessione furono catastrofiche: sempre meno soldi entravano nelle casse dei costruttori, e molti decisero di correre ai ripari risparmiando dove possibile, anche sul servizio ai clienti.

Se già per via del boom del settore immobiliare degli anni 2000, con l’ingresso nel mercato di tanti costruttori improvvisati, ha rovinato il mio settore, la crisi non ha fatto altro che aumentare questa tendenza, facendo crescere le pecche e portando a progettare edifici che non tengano conto di tutte le esigenze che oggigiorno le persone hanno quando si parla dell’abitare.

Perciò, ti puoi trovare davanti questi edifici realizzati con materiali di pessima qualità e senza una minima attenzione al dettaglio.

Una miriade di abitazioni tirate su con i piedi in cui appena uno ci entra a vivere deve sborsare chissà quanti soldi di manutenzione. Perché diciamocelo, materiali di pessima qualità equivalgono sempre a costanti lavori extra.

Ma ti sembra giusto, dopo aver speso centinaia di migliaia di euro, di dover affrontare questa cosa?

Inoltre, molti di questi costruttori, sempre per velocizzare i tempi dei lavori (per arrivare prima al guadagno)  non ti permettono nemmeno di godere di un dei principali vantaggi del comprare casa dal costruttore, ovvero la personalizzazione dell’immobile secondo le TUE necessità.

Alla fine dunque ti trovi a vivere in un posto che non rappresenta quello di cui tu e la tua famiglia avete bisogno.

Quindi, ripetendo, ci sono due fattori a cui devi sempre prestare attenzione:

  • L’importanza dei materiali e della manodopera;
  • Strutturazione degli spazi e loro personalizzazione.

Purtroppo questo metodo di lavoro vecchio, e basato su una speculazione la fa da padrona.

Perciò, cosa puoi fare ora?

Darti del tempo. Questa, mi dispiace dirtelo, è l’unica risposta. Devi cercare finché non trovi chi davvero vuole ascoltare e soddisfare TUTTE le tue necessità. Non puoi accontentarti.

L’acquisto di una casa è un investimento importante nella vita di ognuno di noi. E di certo non puoi cambiare appartamento ogni dieci anni come fosse un’automobile. Per tale ragione datti del tempo finché non sei convinto al 100% del passo che stai per compiere!

Solo quando sarai sicuro di ogni minimo dettaglio, sia nell’abitazione che in altri fattori esterni (uno su tutti, e il più essenziale, la posizione) allora puoi compiere questo passo.

Prova ad immaginare una casa scadente quanto ti può far soffrire. Trasformerebbe uno degli apici della tua vita in un incubo.

La ricerca deve quindi essere lunga e attenta. Non farti prendere dallo sconforto o dall’emotività, ma mantieni una linea di pensiero razionale finché non giugni ai tuoi obiettivi.

Mi rendo conto di averti dipinto un quadro quasi tragico. Ora penserai “Enrico, io casa non la compro mai se devo ascoltare tutto quello che mi hai detto!”.

Ma non ti devi preoccupare. Perché non si può fare di tutta l’erba un fascio.

C’è (e c’è sempre stato) chi lavora per dare ai propri clienti quello che vogliono, senza fare leva su questi meccanismi sbagliati.

C’è chi magari ti offre una casa costruita con materiali di qualità, seguendo tutte le tue indicazioni e basandosi su tutte le tue esigenze.

Ed io sono uno di quelli.

Ti sembra una promessa esagerata? Ti dico che ti garantisco nero su bianco tutto questo. Il che vuol dire che, se non rispetto questi accordi, ti rimborso.

E attenzione, non lo faccio perdendoci soldi o cercando di guadagnarci con altri espedienti. Perché no, non è che ti do tutto quello che vuoi ma la casa la costruisco in una zona malfamata dove non abiterebbe nessuno.

Vuoi sapere perché ti posso assicurare tutto questo?

Nei miei anni di attività, ho sentito molte storie di clienti e ho lavorato (facendo anche molte ricerche e studi direttamente sul campo) per permettere a chiunque di avere una casa che non sia dispendiosa per tutti i costi ordinari.

Ecco che dunque ho ideato un innovativo metodo di lavoro: il Metodo ER!

Grazie al Metodo ER dunque, le case che realizzo sono pensate per essere costruite solo con materiali di pregio, e permettendoti di personalizzarle in ogni minimo dettaglio.

Nulla viene lasciato al caso.

Vuoi goderti anche tu uno di questi appartamenti?

Un modo di lavorare di questo tipo, in Italia, è assolutamente innovativo. I costruttori normali non investono così tanto tempo, energie e denaro per progettare e realizzare un sistema così efficiente; tanto non devono mica pagare loro le spese.. quelle ricadono su di te!

Purtroppo, un articolo di blog non può descriverti nello specifico tutti gli elementi che compongono il mio metodo lavorativo.

Ecco perché ho preparato un report gratuito che puoi ricevere via email.

Completa il form qui sotto e richiedi tutti dettagli che stanno dietro al mio metodo di costruzione di case, il Metodo ER, che ti permette di avere la casa dei tuoi sogni, secondo quello che hai sempre voluto per te e la tua famiglia!

    Privacy Policy

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.